E' ORA... DI CORRERE

 509 visitatori online

CONTATORE VISITE

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi7741
mod_vvisit_counterIeri6845
mod_vvisit_counterQuesta settimana7741
mod_vvisit_counterUltima settimana52691
mod_vvisit_counterQuesto mese171549
mod_vvisit_counterUltimo mese213277
mod_vvisit_counterTotale24518902

Data: Lug 26, 2021

CERCA

Siamo noi e siamo tanti.... Stampa

A TUTTI I PODISTI DELLA DOMENICA...

SIAMO NOI E SIAMO IN TANTI...

Noi, che ad una certo punto della nostra vita abbiamo pensato che dovevamo muoverci e che era sbagliato consumare la nostra esistenza seduti in poltrona davanti alla TV.

Noi, che la domenica mattina abbiamo pensato che era meglio uscire all'aperto anziché consumare le lenzuola.

Noi, che abbiamo pensato che fare gruppo era un ottimo modo per socializzare e fare nuove amicizie.

Noi, che abbiamo trovato gratificante lavorare affinché una ricetta che mette insieme sport, ricreazione, solidarietà ma anche affetto, consolazione e buonumore non vada perduta.

Noi, che abbiamo creduto in quello che facevamo al punto da diventare fin troppo partigiani e viscerali.

Noi, che abbiamo pensato che il mondo del podismo non dovesse parlare solo di tempi, di competizioni, di tabelle di allenamento, di chi va più forte o di chi va troppo piano.

Noi, che abbiamo pensato che il podismo avesse una funzione sociale.

Noi, che, citando Totò, abbiamo visto nel podismo una livella, e che fra un premio Nobel in pantaloncini da corsa e il sottoscritto in braghette corte non vi sia differenza.

Noi, che abbiamo pensato di non doverci mai inchinare a logiche di economia aziendale, e che con pochi soldi (in gran parte nostri) potevamo fare grandi cose.

Noi, che abbiamo dedicato gran parte del nostro tempo libero al podismo e che ci siamo sentiti dire che non ce lo aveva chiesto nessuno.

Noi, che abbiamo tenuto in mano una bandierina con la sola gratificazione dei grazie di altri come noi.

Noi oggi ci offriamo ad una causa molto importante, una giornata dedicata allo sport, quello popolare, quello che vorremmo portasse in Prato della Valle tante famiglie, scolaresche e tante persone “normali”; quelle che non vengono alle nostre marce la domenica mattina, e che attraverso questa possibilità potrebbero vedere con i loro occhi quanto è bello il nostro mondo.
Lo vorremmo per quelle famiglie che hanno visto i loro figli morire a causa di una malattia, la Fibrosi Cistica – Mucoviscidosi, ma soprattutto per dare speranza a quelle famiglie che attraverso il nostro lavoro vedranno destinare importanti fondi alla ricerca.
Purtroppo in un mondo molto lontano dalla perfezione, ancora oggi il diritto alla cura dipende dai pochi soldi che vengono destinati da leggi finanziarie sempre più povere. Ecco il motivo per cui parte dei fondi devono essere raccolti attraverso manifestazioni come la nostra.

Ed ecco che mai come in questa edizione, in cui affiancata alla StrapadovaViva del mattino e alla Corrinprato del pomeriggio con vocazioni prettamente solidali c'è la Padova21, mezza maratona competitiva, vi è bisogno di personale. Un gesto solidale estremamente importante, che va oltre la logica dello sport inteso come produttore di profitto, che vede in primo piano NOI che ci offriamo volontari e la gente che acquisterà il biglietto (sia esso da 2 euro, solo ristoro, che quello da cinque con maglietta) e che, mi auguro, partecipi in massa.

Per la riuscita della manifestazione è necessario che quel popolo della domenica abituato a correre diventi attore e offra il suo contributo.
Altre volte ho affrontato l'argomento “volontari” facendo rispettosamente notare a tutti coloro “a cui piace correre” o che “non vogliono avere impegni” che se qualche volta restituissero l'ospitalità loro offerta non correremmo il rischio di vedere chiudere i battenti di alcune importanti manifestazioni.
Questa volta l'invito a diventare “bandierine” lo faccio in maniera molto più appassionata, proprio per lo scopo per cui tutto ciò viene fatto.

SIAMO NOI E SIAMO IN TANTI... MA NON SIAMO ABBASTANZA!

Francesco Renna

 

 

CALENDARIO ON LINE

CALENDARIO 2020

Cliccate sull'immagine per sfogliare il CALENDARIO COMPLETO